Comune di Pogliano Milanese - NEWS: LE FOIBE
Vai al menu principale |  Vai ai contenuti della pagina

AREE TEMATICHE

SERVIZI ONLINE

ALTRI SERVIZI

NEWSLETTER [n]



Questo articolo è stato letto 175 volte
Pubblicato il: 09/02/2018    Segnala pagina su Facebook Segnala
GIORNO DEL RICORDO : 10 FEBBRAIO 2018

LE FOIBE

  LE FOIBE
  LE FOIBE
  LE FOIBE

 

Il 10 Febbraio è la data in cui si celebra il Giorno del ricordo:

 

 Il giorno del ricordo fu istituito in Italia per ricordare le vittime delle foibe. Furono oltre 5mila gli italiani massacrati dai partigiani comunisti di Tito, ed il 10 Febbraio sono ricordati con poesie, frasi ed immagini. Ecco cosa è successo tra il 1943 ed il 1945 e cosa si celebra con il ricordo della strage delle foibe.

 

Durante il Giorno del ricordo l’Italia si ferma a pensare le vittime massacrate in Istria, Dalmazia e Venezia Giulia alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Dopo oltre 50 anni di silenzio, si commemorano i martiri uccisi durante l’eccidio delle foibe, dove persero la vita non solo i fascisti, ma anche donne, bambini, e liberal democratici che si opposero all’avanzata del Maresciallo Tito.

 

Le cause che determinarono la morte di oltre 5 mila italiani all’interno delle foibe carsiche oggi si conoscono, ma per numerosi anni l’Italia ha taciuto sugli eventi che hanno portato a questo genocidio. E’ dal 2004 che è stata istituita la Giornata del ricordo, e con frasi, poesie e immagini delle foibe si vuole mantenere viva l’attenzione su questo pezzo di storia italiana.

 

 

"..... Fummo condotti in sei legati con un unico fil di ferro, oltre a quello che ci teneva avvinte le mani dietro la schiena,in direzione di Arsia.

Indossavamo i soli pantaloni e ai piedi avevamo  solo le  calze. Un chilometro di cammino e ci fermammo ai piedi di una collinetta,

dove mediante un filo di ferro, ci fu appeso alle mani legate  un masso di almeno 20Kg. Fummo sospinti verso l'orlo di una foiba, la cui gola si apriva 

paurosamente nera... "

Roberto Spazzali e Paoul Pupo

 

Erano giorni di sangue, erano giorni senza fine per le orde slave l'ultimo confine, erano gli ultimi fuochi di una infinita guerra e quei barbari volevano quella terra!

Uomini e donne  venivano massacrati , loro sola colpa : italiani essere nati.

Vecchi e bambini gettati negli abissi, spinti giù nel vuoto dal gendarme rosso.

Anomino

 

Documentazione sulle foibe  presso la biblioteca comunale A. Manzoni