Comune di Pogliano Milanese

Sito istituzionale del Comune di Comune di Pogliano Milanese

Letture totali: 10081

Area: servizi demografici

Il D.P.R. 14 febbraio 1964, n. 237, contiene le disposizioni legislative sulla leva e sul reclutamento obbligatorio nell’Esercito, nella Marina e nell’Areonautica.

Il D.Lgs. 30 dicembre 1997, n. 504, contiene l’adeguamento delle norme in materia di ritardi, rinvii e dispense relativi al servizio di leva, a norma dell’articolo 1, comma 106, della legge 23 dicembre 1996, n. 662.

Sono soggetti alla leva militare (cioè al potere dello Stato di chiamata al servizio militare – potere facente capo al Ministero per la difesa, art. 1 d.p.r. 237/1964):

a)i cittadini maschi dello Stato, anche se abbiano acquistato la cittadinanza dopo il concorso alla leva della propria classe di nascita e prima del 31 dicembre dell’anno in cui compiono il quarantacinquesimo anno di età;
b)gli apolidi che abbiano stabilito la residenza nella Repubblica anche dopo la chiamata alla leva della propria classe di nascita e prima del 31 dicembre dell’anno in cui compiono il quarantacinquesimo anno di età.
Per i cosiddetti “doppi cittadini”, cioè per le persone che posseggono simultaneamente la cittadinanza italiana e quella di un altro Stato, apposite convenzioni internazionali sono intervenute a disciplinare la materia degli obblighi militari, ispirandosi generalmente al principio che il “doppio cittadino” sarà sottoposto a tali obblighi nello Stato nel cui territorio risiede abitualmente, a meno che non dichiari di voler soddisfare gli obblighi medesimi nei confronti dell’altro Stato di cui pure ha la cittadinanza.

ORGANI (Art. 24 D.P.R. 237/1964)

Sono organi del servizio della leva:
-nel territorio della Repubblica: gli Uffici ed i Consigli di leva, che dipendono, per quanto concerne le funzioni ad essi attribuite nella specifica materia, dalla Direzione generale LEVADIFE;
-all’estero: le autorità diplomatiche e consolari.

UFFICIO LEVA DEL COMUNE
A norma dell’art. 34 del D.P.R. 237/1964, il 1° gennaio di ogni anno i capi delle amministrazioni comunali devono, con apposito manifesto, rendere noto:
-ai giovani che nell’anno stesso compiono il diciassettesimo anno di età, il dovere di farsi inserire nella lista di leva del Comune in cui sono legalmente domiciliati;
-ai genitori e tutori dei giovani predetti, l’obbligo di curarne l’iscrizione nella lista suddetta.
Di norma, la classe di leva coincide con l’anno di nascita, oltre alle deroghe costituite dagli arruolamenti volontari (in anticipazione di leva), i rimandi ad altra leva per legale motivo (ad esempio per rivedibilità) e le aggiunzioni alle liste di leva degli omessi.

CHIAMATA ALLA LEVA

L’art. 1 del D.Lgs. 504/1997, stabilisce che i cittadini maschi siano chiamati alla leva (cioè sottoposti alla procedura attraverso la quale si individuano i soggetti idonei ad espletare il servizio militare) nel trimestre in cui compiono il diciottesimo anno di età e comunque non prima del raggiungimento della maggiore età.

A tutti gli iscritti di leva viene notificato, con qualche anticipo di tempo rispetto alla data stabilita, il precetto personale contenente l’invito a presentarsi all’esame fisio-psico-attitudinale per l’arruolamento nel luogo e nel giorno fissati dal Consiglio di leva.
Il precetto, firmato dal Sindaco, viene notificato dal messo comunale e la relazione di notifica viene trasmessa all’Ufficio di leva competente.

Nel giorno indicato i giovani, che non intendono chiedere un beneficio di leva, devono presentarsi presso il Consiglio di Leva portando un documento di riconoscimento, il tesserino del codice fiscale e la documentazione sanitaria (certificati medici, cartelle cliniche, esami radiologici in originale o copia autenticata)riguardante eventuali infermità.

Coloro che risiedono fuori dal Comune ove ha sede il Consiglio di Leva ricevono anche dei “tagliandi di viaggio” che permettono di raggiungere gratuitamente, con i mezzi consentiti, la sede del Consiglio e di ritornare al proprio domicilio.
L’iscritto che senza legittimo motivo, non si presenta nel giorno stabilito all’esame personale, è dichiarato renitente ed inviato, mediante diffida, a presentarsi a visita.

INFORMAZIONI PER I GIOVANI CHE INTENDONO CHIEDERE BENEFICI DI LEVA OSSIA:


-RIFORMA SENZA VISITA E VISITA DOMICILIARE

-ESONERO PER IL FIGLIO DI VEDOVA OD INVALIDO DI GUERRA

-DISPENSA DALLA FERMA DI LEVA

Le notizie sulla documentazione da produrre devono essere richieste all’Ufficio Leva del Comune, del Distretto Militare o presso la Capitaneria di Porto.

 

A CHI RIVOLGERSI: 

Ufficio LEVA del Comune di Pogliano Milanese: ubicato nel palazzo Municipale di Piazza Avis Aido n. 6, al piano terra.

Tel. 02/93964421
Fax 02/93549220

 

DOCUMENTI DISPONIBILI

  •  RICHIESTA BENEFICI DI LEVA
  •  SOSPENSIONE DEL SERVIZIO DI LEVA